Alarma: ¡Bicicletas! por Eduardo Galeano

19/08/2012

E’ tempo di vacanze, in Portogallo, Italia, Grecia e Spagna.. stavolta Galeano lo leggiamo nella lingua originale..

La bicicleta ha hecho más que nada y más que nadie por la emancipación de las mujeres en el mundo – decía Susan Anthony.
Y decía su compañera de lucha, Elizabeth Stanton:
Las mujeres viajamos, pedaleando, hacia el derecho de voto.
Algunos médicos, como Philippe Tissié, advertían que la bicicleta podía provocar aborto y esterilidad, y otros colegas aseguraban que este indecente instrumento inducía a la depravación, porque daba placer a las mujeres que frotaban sus partes íntimas contra el asiento.
La verdad es que, por culpa de la bicicleta, las mujeres se movían por su cuenta, desertaban del hogar y disfrutaban el peligroso gustito de la libertad. Y por culpa de la bicicleta, el opresivo corsé, que impedía pedalear, salía del ropero y se iba al museo.

Twittano dal Giro d’Italia del 1946 i protagonisti

14/06/2012

Un esperimento tra ricostruzione storica ed attualità della comunicazione 2.0. Non è per tutti? Può forse avvicinare due gruppi ai rispettivi stili di vita:  chi pedala al cinguettio telematico e chi twitta ai pedali, che se si sceglie bene il percorso sono proprio i volatili a trasmettere la percezione dell’ambiente attraversato, distinguendo gli spazi naturali dalle urbanizzazioni. Il volo di un rapace nell’orizzonte verticale, le starne che fuggono tra le rogge, il picchio, l’airone che stentatamente si alza in volo, qualche melodia sconosciuta vincono sull’invadente presenza delle cornacchie e trasmettono quel senso di libertà che la biciletta ci può regalare.

 


Parole sante da Budapest

14/04/2012

cnBUDAPEST-12

E’ PRIMAVERA, SE SALI IN SELLA                  DOMENICA 22 APRILE 2011 BICI PARADE

Bella città, piena di bici, corsie ciclabili pittate un po’ d’appertutto; buona convivenza con i pedoni negli spazi promiscui e sembra anche con gli automobilisti che, a dirla tutta, si fermano alle strisce pedonali… LA CM SI RIPETE IN SETTEMBRE


Ventesimo anniversario a San Francisco

9/01/2012

23-30 settembre

The 20th anniversary of Critical Mass is coming in September 2012. The
first-ever ride was in San Francisco in September 1992, so we’re
inviting everyone from around the wide world of Critical Mass rides to
come to San Francisco next September for a week-long festival to
celebrate twenty years. During the week-long festival we hope to have
daily group rides, film festival, art shows, discussions, music, and
more. (Send us a message if you’re planning to come, and let us know
how many people are planning to come from your city/country. And if
you’re in the Bay Area and want to help plan the week, organize an
event, coordinate food and entertainment, provide housing, etc.,
please contact us!)
http://www.sfcriticalmass.org/2011/07/06/20th-anniversary-critical-mass-book-project/


Invito speciale

22/07/2011

Hey ciclo-officine e amici ciclisti!
Ancora poco più di una settimana all’inizio del CYCLOCAMP a Ottensheim – Austria!
Per chi non l’avesse ricevuto o sia ancora indeciso, vi rimandiamo un promemoria con l’invito.
In Austria sono nate negli ultimi anni parecchie ciclo-officine/bike kitchen che offrono non solo un accesso, non finalizzato al profitto, ad attrezzi e conoscenze su tutto ciò che riguarda la bicicletta, ma anche occasioni di scambio di modi alternativi di vivere e relazionarsi. Con l’intento di allargare questo scambio anche alle realtà ed esperienze di altri paesi e contesti, le BikeKitchen di Vienna Linz e Graz hanno lanciato l’idea di un festival transnazionale, non commerciale, autogestito e fai da te che raduni ciclo-officine sparse per l’Europa. Lo scopo principale è, oltre a quello di dare vita ad un network internazionale, conoscersi, imparare dalle esperienze di tutti e lasciarsi ispirare da nuovi progetti, oltre che, chiaramente, spassarsela insieme.
Il Cyclocamp metterà a disposizione spazi per ciclo-officine fai-da-te (DIY) e l’intero festival sarà completamente autogestito, auto-organizzato, nonché no profit. Le Bike Kitchen austriache provvederanno alle infrastrutture di base, ma l’organizzazione e la gestione spetterà a tutti.
Vogliamo un festival non commerciale e libero da sessismo, razzismo, omofobia, violenza e ogni altra forma di discriminazione – senza compromessi!
Il CYCLOCAMP avrà luogo dal 26 Luglio al 1 Agosto 2011 a Ottensheim (a pochi km da Linz) sul Danubio, in un area verde a nostra disposizione, con bagni e doccia e campeggio gratuito. Alcuni gruppi di volontari si occuperanno della cucina e le Bike Kitchen porteranno gli attrezzi per i laboratori.
Speriamo di poter contare sulla vostra presenza e sulle vostre idee. Portate tutto ciò che volete scambiare/mostrare/provare: film, mazze da polo, tallbikes, motivazioni politiche, temi di genere, ricette di cucina, laboratori creativi…
Portate anche delle foto stampate dei vostri laboratori, progetti, attività con le bici, critical mass per una mostra all’aperto!!
Tutte le altre informazioni (anche riguardo a come arrivare, cosa portare, leggi austriache..) le trovate sul sito http://cyclocamp.org/

A breve sarà online una pagina in italiano con le info più importanti.
Per altre cose non esitate a scriverci all’email: cyclocamp@bikekitchen.net o ad usare il forum sul sito http://cyclocamp.org/?page_id=207

Speriamo di vederci ad Ottensheim.
BIKE ROCKS!!
ste – BK vienna


Da greenpeace

25/04/2011

Il 26 aprile 1986, nel reattore numero 4 della centrale nucleare di Cernobyl, si registra il più grave incidente nucleare della storia. Oggi, a distanza di 25 anni, l’attenzione del mondo si è spostata altrove ma noi non vogliamo dimenticare. E tu che cosa ricordi di Cernobyl?

Sul nuovo sito www.generazionecernobyl.org

 


Come in Germania?

8/06/2010

A nord della nostra penisola, con l’avvento dell’estate, per iniziativa dell’associazione dei ciclisti tedeschi, viene riproposto un concorso a premi per chi andrà spesso al lavoro pedalando. CONTINUA

A Legnano il premio è sicuro:

il prossimo finesettimana CINESTESIA sarà l’occasione per gustare un bel film come uno spettacolo teatrale e una mostra di scatti di scena, lasciando l’auto a casa.