Milano_Copenhagen

27/11/2009

In queste settimane stanno succedendosi dichiarazioni contrastanti da parte dell’amministrazione Obama circa una partecipazione americana efficace al prossimo vertice di Copenhagen. L’incontro del mese prossimo tra i governi del mondo dovrà trovare un accordo che sostituisca quello siglato a Kyoto. Gli USA non sono firmatari del precedente, producono un terzo delle emissioni mondiali di CO2,  ed ancora la settimana scorsa, in una dichiarazione congiunta da Pechino, lasciavano poche speranze alla sottoscrizione di un impegno vincolante. Di Lunedi la dichiarazione di un programma ………..

E noi? Da Milano parte un autobus:

COPENHAGEN CHIAMA MILANO Vieni con noi al COP15 dal 10 al 17 dicembre

Nel dicembre 2009 i governi del mondo si riuniranno a Copenhagen per la XV Conferenza ONU sul Clima (COP15), che dovrà trovare un successore al Trattato di Kyoto. Sarà il più grande vertice sul cambiamento climatico di sempre. Aziende e governi dei paesi sovrasviluppati vogliono imporre false soluzioni di mercato come la compravendita delle emissioni che non arrestano la tendenza al surriscaldamento globale. Climate Justice Action (CJA), la rete mondiale dei movimenti di giustizia climatica, chiama a manifestare il 12 dicembre nella giornata mondiale sul clima e a unirsi all’azione di massa nonviolenta del 16 dicembre al Bella Center dove si tiene il COP15. Altre azioni a tema sul clima avranno luogo a Copenhagen dall’11 al 16 dicembre (http://www.climate-justice-action.org/mobilization/action-calendar). Anche in Italia stanno sorgendo gruppi che reclamano giustizia climatica. Il network milanese di CJA, cui partecipano diversi centri sociali e numerosi attivisti, organizza uno o più pullman per Copenhagen con partenza nella serata di giovedì 10 dicembre e ritorno il 17 dicembre, per sostenere le mobilitazioni organizzate da CJA (e dire basta alle emissioni di massa dei voli low-cost!). Il costo è di 100 euri a testa A/R (ma potrebbe scendere grazie ad autofinanziamenti o adesioni di massa).

Per prenotare i posti, scrivi a: cop15@anche.no

Per altre info sul cop15 e i movimenti di giustizia climatica: http://versuscop15.noblogs.org e http://www.climate-justice-action.org

Annunci

BO

25/11/2009

human-motor-09


19/11/2009


Citazioni

18/11/2009

Metteri i miei soldi sul sole e sull’energia solare. Che fonte di energia! Mi auguro che non ci sia bisogno di aspettare fino all’esaurimento del petrolio e del carbone per affrontare il problema.
– Thomas Edison, 1931

“Non siamo bravi a riconoscere le minacce lontane, anche se la loro probabilità è del 100%. La società che ignora [il picco del petrolio] è come la popolazione di Pompei che ha ignorato le avvisaglie del Vesuvio”.
– James Schlesinger, ex Segretario Usa all’Energia

“[La relazione ‘World Energy Outlook 2006’] rivela che il futuro energetico in cui ci troviamo di fronte oggi, basato su proiezioni delle tendenze attuali, è grossolano, insicuro e costoso”.
– Claude Mandil, direttore esecutivo dell’Agenzia Internazionale dell’Energia

“Il vero problema è che noi usiamo troppo petrolio. E’ così semplice e così difficile. Se vogliamo davvero ridurre la nostra vulnerabilità per l’aumento dei prezzi il modo migliore per farlo è quello di ridurre il consumo.”
– Richard Heinberg, autore di Peak Everything

Dalla traduzione di un’articolo del Guardian del 9 Novembre, sulla “dubbia” veridicità del rapporto dell’Agenzia Internazionale sull Energia circa la produzione del petrolio.


Perchè

15/11/2009

Mentre a Firenze viene sequestrato un risciò ed il conducente, nel mondo civilizzato  si manifesta sempre più gioiosa la volontà di cambiare insieme il sistema fondato sull’imposizione dall’auto a beneficio dei soliti pochi noti.

Quante morti, invalidià ed infortuni sulle strade? Quali conseguenze sulla salute dei nostri polmoni e del pianeta? A chi i costi?

globalReportSafety


Azione!

7/11/2009

Divertiamoci a Copenhagen..

… come alla Ciclofficina Popolare a Mazzafame


Ancora in massa a Bologna

4/11/2009

human-motor-09

Una rivendicazione per tutti noi che vogliamo vivere in bici.

System change?