Massa critica saronnese!

25/11/2006

Okay, so che gli interessati lo sapranno già, ma abbiamo definito un semplice programma di massima per partecipare alla massa critica di Saronno di domani, sabato 25 novembre.

Il ritrovo a Legnano è per le ore 14:00 (siate puntali, si parte alle 14:15!) in piazza Mocchetti; di lì si partirà alla volta di Rescaldina (il ritrovo a per chi vuole aggregarsi a Rescaldina è intorno alle 14:30 presso il parcheggio della Bassetti) e quindi si proseguirà scampanellanti verso Saronno.

Appuntamento a domani e speriamo che non piova!


Ferrara, Città delle Biciclette.

23/11/2006

Bobo&Sam’s photos

Esiste in Italia una città conosciuta come la città delle biciclette. Questa città è Ferrara. Animato da un pò di curiosità ho cercato notizie sulla rete. Quasi subito mi sono imbattuto in una serie di dati statistici che proiettano Ferrara in testa ad ogni classifica sull’uso del mezzo a due ruote. In città ci sono ben 84 Km di piste ciclabili e la percentuale d’uso della bici è del 30%. Ho scoperto che esiste addirittura un Ufficio Biciclette! Così mi sono affrettato a spedire una mail a Gianni Stefanati, responsabile dell’ufficio per avere notizie più precise su quel che ho trovato. Molto gentilmente Gianni mi ha spedito un documento che spiega molte cose: le strategie usate dal comune per incentivare l’uso della bici, le scelte che il comune ha fatto nel corso degli anni, i metodi per rendere sicuri ed agevoli gli spostamenti su due ruote. Un esempio? In città ci sono dei posti bici attrezzati con dei compressori per pompare le ruote… compressori al posto dei distributori di benzina… un futuro scenario possibile? In attesa di girare Ferrara in bicicletta non mi rimane che pubblicare qui sotto il documento,secondo me molto ben fatto!!

Comunicare la bicicletta

Strategie di fidelizzazione del ciclista urbano. Il caso di Ferrara.

La città di Ferrara è oggi riconosciuta in modo unanime come la città italiana della bicicletta. Ovviamente non è stato sempre così ma è il frutto di un tenace lavoro di valorizzazione culturale della bicicletta come strumento ottimale di trasporto urbano condotto in questi ultimi dieci anni con un progressivo ed innegabile sostegno dei decisori politici.

L’anno che fa da confine tra una normale considerazione della bicicletta come scontato mezzo di spostamento (del resto fatto comune ad ogni città di un’area geografica vasta e morfologicamente adatta che è la pianura padano-veneta) a una presa di coscienza del fatto che, se opportunamente incentivata, la bicicletta poteva rappresentare un valore di riferimento simbolo della città e patrimonio culturale degli stessi cittadini, è il 1995.

Come bene immateriale, l’andare-in-bicicletta si integra nel bene urbanistico che ha valso a Ferrara il riconoscimento di Patrimonio dell’Umanità e in quanto tale rientra nei Piani di Tutela di Gestione e di Conservazione dei siti UNESCO, è un concetto che si è andato affermandosi gradualmente ma che è oggi totalmente condiviso da cittadini, commercianti e politici.

Non è un caso che le politiche di promozione dell’uso della bicicletta abbiano avuto inizio, appunto nel 1995, con una caratterizzazione turistica attraverso l’introduzione della Bicicard: una tessera riservata ai turisti che dava diritto a lasciare l’auto gratuitamente in un parcheggio di attestamento esterno alla città, a ricevere una bicicletta per il tempo di permanenza e a godere di sconti negli hotels, nei ristoranti e nei negozi convenzionati oltre all’ingresso libero nei musei civici.

A monte di questa data vi è stato un intervento forte che ha segnato la sorte di Ferrara come città di ciclisti, mi riferisco alla scelta coraggiosa per i tempi (siamo sul finire degli anni ’60) di chiudere il centro storico al passaggio non solo delle auto, ma anche dei ciclomotori. Con coerenza, fino ad oggi, mentre assistiamo al progressivo ampliamento della zona a traffico limitato, qualsiasi mezzo a motore a due ruote viene trattato alla stregua di un auto quando invece le altre città italiane hanno il centro invaso dagli scooters.

Vere e proprie politiche di promozione e valorizzazione dell’uso della bicicletta sono ufficializzate tra le azioni del governo della città a partire dal 1996 con l’istituzione dell’Ufficio Biciclette, rimasto per diversi anni il primo e unico in Italia. Era chiaro a tutti, associazioni di ciclisti e politici sensibili, che non era possibile realizzare a breve termine un sistema di infrastrutture per favorire fisicamente l’utilizzo della bicicletta ma che si doveva procedere nel mantenimento della quota di spostamenti in bici tradizionale (nel 1991 era del 21,1%) contrastando l’immagine mediatica positiva che viene assegnata all’automobile e ciò si poteva attuare solo nel medesimo campo della pubblicità lavorando sul principio chiave dell’appartenenza ad una comunità che vive la bicicletta come un prodotto d’uso a tipicità locale di cui andare fieri, gradito a tutti, senza distinzione sociale.

Per palesare questo concetto, lo slogan Ferrara, città delle biciclette doveva apparire ovunque e doveva essere fatto proprio da cittadini ed attività commerciali e turistiche. All’inizio furono apposti cartelli con lo slogan ad ogni ingresso della città, poi cominciò ad apparire sugli autobus per finire anche sulle bustine di zucchero in distribuzione nei bar. Il binomio Ferrara-bicicletta nel giro di pochi anni poteva dirsi consolidato ma ciò non bastava, anzi rischiava di avere effetto boomerang, politicamente parlando, se non si davano ai cittadini risposte concrete in termini di sicurezza. Bisognava eliminare ogni rischio di formazione di un partito trasversale di politici amici della bicicletta in contrapposizione ad un altro di fautori dell’auto o, peggio ancora, di inerti: il raggiungimento di standard di sicurezza per i cittadini-ciclisti doveva far parte del programma di ogni gruppo politico e la realizzazione progressiva della rete ciclabile non doveva incontrare ostacoli all’interno dell’amministrazione della città.

Lo scopo è stato raggiunto tramite il ritorno d’immagine positiva della città per l’alta percentuale d’uso della bicicletta che costantemente viene riflessa dai media nazionali e internazionali (giornali, riviste, televisione, internet) e dai riconoscimenti in Italia e in Europa, come quelli della Commissione Europea per l’organizzazione della Settimana della Mobilità e Città Sostenibile.

Il principale strumento per l’attuazione delle misure infrastrutturali è dato dal Biciplan che contiene le indicazioni generali per lo sviluppo della rete ciclabile e le azioni di completamento per agevolare la mobilità ciclistica come ciclopark differenziati in relazione al tipo di utilizzo, pompe pubbliche (distributori d’aria per gonfiare le biciclette), segnaletica dedicata. Sfruttando al meglio le rare possibilità di cofinanziamento offerte dal governo regionale e nazionale è stato possibile portare a compimento gran parte delle indicazioni espresse nel Biciplan.

La rete ciclabile di Ferrara può oggi contare su oltre 80 km di percorsi protetti e molti cantieri sono aperti mentre procede a ritmo serrato la progettazione dei tratti e delle piste ciclabili radiali mancanti nonché la messa in sicurezza dei punti critici di conflitto tra ciclisti e mezzi motorizzati a cura dei settori Lavori Pubblici e Mobilità. Il Comune di Ferrara, nell’ambito del processo di Agenda 21 tiene costantemente monitorata la mobilità ciclistica e promuove azioni esterne di promozione dell’uso della bicicletta. L’Ufficio Biciclette trae dall’insieme dei dati degli indicatori informazioni essenziali per intervenire con azioni dimostrative e promozionali. La mobilità scolastica in bici a Ferrara si attesta al 20% e riteniamo ci siano margini di incremento; per questo è stata avviata la campagna “W la Bici” destinata ai ragazzi e alle ragazze dagli 8 ai 14 anni, parallelamente l’uso della bicicletta per gli spostamenti casa-lavoro risulta modesto: per questo è stato avviato il progetto “In bici sul posto di lavoro“, con la distribuzione di biciclette ad uso gratuito ai dipendenti comunali che si impegnavano a lasciare l’auto a casa per andare al lavoro. Ancora, per quei cittadini che abitando troppo lontano dalla città
(mediamente da 8 km) e sono costretti ad usare l’auto è stato approntato un apposito servizio di biciclette pubbliche nei principali parcheggi di attestamento. Per i turisti sono invece disponibili ben 7 punti di noleggio a gestione privata.

Ormai si visita Ferrara non solo per i monumenti e per le grandi mostre ma anche per godere di una città vivibile in bicicletta. Il turismo sostenibile è uno dei principali indirizzi perseguiti dall’Amministrazione Comunale, recentemente è stato anche realizzato un depliant dedicato al Turismo verde a Ferrara – città delle biciclette con una mappa della rete ciclabile e l’indicazione delle strutture di accoglienza che si sono dotate di sistemi per migliorare il rapporto con l’ambiente secondo il decalogo Ecolabel.

Sono questi soltanto alcuni esempi di interventi mirati realizzati che sono sempre accompagnati da un’informazione a stampa tramite il periodico “Piazza Municipale” del Comune di Ferrara distribuito gratuitamente a tutte le famiglie e in alcuni casi, come per l’operazione “Ladri di Biciclette“, destinata a contenere il fenomeno dei furti, da apposite pubblicazioni a depliant (InfoBici).

In termini statistici i risultati sono complessivamente buoni, l’uso della bicicletta tra i cittadini residenti è passato dal 21,1%
(1991) al 24,5 (1997) al 27,4% (2002) attestandosi al 27% negli anni successivi e se si considera la totalità degli spostamenti comprendendo anche i non residenti e gli studenti pendolari si raggiunge il 30,9%.

La condivisione politica e la comunicazione estesa sono alla base del successo ottenuto; siamo anche convinti che l’istituzione dell’Ufficio Biciclette (riconosciuto dal Ministero dell’Ambiente come esempio fondante di sostenibilità) abbia rappresentato lo strumento ideale per l’accelerazione, il coordinamento e la concretizzazione di idee, azioni e progetti. Una riprova è data dal numero di città italiane che in questi ultimi due anni si sono dotate di analogo ufficio, da Torino a Bari, da Cuneo a Venezia, da Verona Pescara, in totale una trentina di Comuni che dialogano tra loro per scambiarsi idee e azioni attraverso il gruppo di lavoro Uffici Biciclette di Agenda 21 Italy coordinato dalla città di Ferrara.

Per approfondire: Comunicare la Bicicletta


UNZA e baci

23/11/2006

Unza
Domenica 26 Novembre:

  • Dalle 16 alle 19.00: Ciclofficina popolare
  • Alle 20.30 (!) Horror-Kino: “L’armata delle tenebre” di Sam Raimi

UNZA! Ciclofficina Nord – Niguarda, Via Bianchi d’Espinosa


Fa’ la cosa giusta!

21/11/2006

Ciao! Una comunicazione di servizio: stavo leggendo “Fa’ la cosa giusta! – Guida pratica al consumo critico e agli stili di vita sostenibili a Milano e in Lombardia” (“I libri di Terre di mezzo”, ed. Berti) e c’era una parte sulla critical mass. Ho scritto alla redazione dicendo che esistiamo anche noi, non so se qualcuno già lo aveva fatto.

Chissà che non ci segnalino, così troviamo qualche amico di bici in più!

+ bici + amici


I piani per il sabato pomeriggio

20/11/2006

Ruota di bici

Questa, lo sapete, è la settimana dell’attesa massa critica saronnese. E siccome la volontà di partecipare pare piuttosto diffusa occorre organizzare una comitiva che faccia gruppo nelle strade non proprio sgombre dal traffico del sabato pomeriggio.

Il giorno della massa, ovvero sabato 25/11, il ritrovo per i legnanesi sarà al solito in piazza Mocchetti, alle 14:00, con partenza alle 14:15 alla volta di Saronno. Il percorso, tuttavia, non è ancora definito e potrebbe prevedere l’aggregazione di un gruppo in itinere (potrebbe essere nei dintorni di Rescaldina?), a seconda delle partecipazioni.

Invito tutti coloro che intendono partecipare a fare le loro proposte e/o a votare per le proposte presentate entro giovedì sera, commentando questo stesso post.

Venerdì verrà pubblicata la versione finale del percorso, cercando di tenere conto dei pareri di tutti.

E’ un esperimento, vediamo come va!

Foto: magullo.


Ciclofficina UNZA, domenica sempre presenti

16/11/2006

Se abbiamo mancato di pubblicizzare gli ultimi appuntamenti delle splendide domeniche di Niguarda, stavolta saremo puntuali ed col giusto anticipo per organizzare un passaggio da Legnano. Intanto ci siamo persi il CICLOAPERITIVO del 5 ed il mitico FRUHSTUCK (alias brunch) del 12 novembre, a cui però magari hanno partecipato le nostre Beatrici, e che sicuramente si ripeterà.

DOMENICA 19 NOVEMBRE:: dalle 16 alle 19 coclofficina!!! dalle 18e30 cicloaperitivo e dalle 20e30 MINI KINO: film a scelta.

Che vuoi di più, solo una domenica a piedi, o, meglio, in bici.

+ bici – CO2


Murata boy: il robot che va in bicicletta

10/11/2006

E’ un gioco di equilibrio sottile ed affascinante, quello del ciclista, al punto da essere ispirazione e spunto di ricerca anche per la robotica. Curioso, ma non del tutto sorprendente.

Murata Boy, (o Murata Seisaku-kun) usa due giroscopi per misurare velocità angolare ed inclinazione, un sensore ultrasonico per rilevare gli ostacoli ed un sensore di vibrazioni per le superfici dissestate. Riceve i comandi da un computer collegato attraverso rete wireless e può essere comandato in tempo reale o seguire percorsi pre-programmati.

Non è ancora pronto, quindi, per partecipare autonomamente ad una massa critica, ma con un po’ di fortuna basterà soltanto qualche piccola modifica.

Per approfondire: Murata Boy