Non passare in quella strada

A Legnano è stata avviata la demolizione dell’ area ex Pensotti. Una buona notizia per gli esasperati abitanti della zona, che lamentavano la situazione fosse divenuta insostenibile per i ripetuti episodi di spaccio e delinqunza?

La Andrea Pensotti era azienda costruttrice di caldaie. Prima della chiusura definitiva molti operai furono prepensionati per effetto della legge che indennizza i lavoratori espsti all’ amianto, agente a comprovata azione cancerogena. E’ ipotizzabile che l’amianto sia stato utilizzato anche nella costruzione degli edifici (muri cemento-amianto, canne fumarie, pavimentazione in vinil-amianto…) avvenuta ben prima della messa al bando. Le coperture in eternit, che tutti conosciamo, sono in bella vista nelle porzioni di edifici non ancora completamente abbattuti. Pertanto consigliamo a tutti di tenersi alla larga, non abbiamo notato siano state prese le eccezzionali precauzioni del caso.

In occasione di un’assemblea di quartiere San Paolo l’assessore all’urbanistica Giambattista Fratus ha presentato il progetto per riqualificare l’area: appartamenti (per circa il 65%) e commerciale e terziario, con edifici alti fino a 40 metri!! Prosegue la politica del “mattone selvaggio”. Che fare dunque? Possiamo solo scappare?

 

Intanto grazie all’impegno dei Genitori anti smog, succede a Milano di diventare, sulle colonne di New York Time e International Herald Tribune, il nuovo mostro ecologico. Testimonial di turno sono 90 studenti del capoluogo che hanno portato alla cintura contraline rilevatrici di valori spropositati di inquinanti: fino a 200 mcg di polveri sottilissime (PM 2,5) quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia di non superare i 25. Tale dato è avvalorato dall’ultimo rapporto dell’OMS che sostiene che la Pianura Padana, con la Polonia, il Benelux e Los Angeles, è una delle aree del mondo in cui lo smog provoca più morti. Inoltre in questa prima metà del 2007 la città è stata fuorilegge 80 giorni per le polveri sottili (la legge europea ne concede 35 per l’intero anno). Tutto ciò mentre Formigoni, intervistato a tal proposito lamenta cattiva informazione, sostenendo di aver «avviato la battaglia antismog più tenace e incisiva d’Europa».(chi le ha viste??) Ed il sindaco? Letizia Moratti preferisce non commentare, delegando la risposta a un comunicato dell’assessore all’Ambiente, Edoardo Croci: «Milano ha già avviato un pianodi interventi per ridurre le emissioni di polveri sottili del 25 per cento entro il 2011». Per la stampa USA è insufficiente e tardivo: «Mentre le altre grandi aree di inquinamento in Europa — scrive il Nyt —già dal 1990 hanno ridotto le emissioni, quelle in Italia sono aumentate».

 

Annunci

4 Responses to Non passare in quella strada

  1. teo ha detto:

    vedo ke scriviamo anche a mentelocale… 🙂

  2. Albertocritico ha detto:

    ma dai teo sarà mica che non hai mai scritto a mentelocale!!
    beh intanto, visto che l’avete sentita solo tu ed il cittadino che ha tentato di intervenire, eccola. infatti la famosissima trasmissione di radiopop ha realizzato un’intervista al nuovo sindaco e ….
    se avete fretta andate all’ultimo terzo della puntata del 20-6
    [audio src="http://64.62.229.101/20_06_07.mp3" /]

  3. silviaprimi ha detto:

    SULLA PRIMA PARTE DEL POST VOLEVO CHIEDERVI DI REINTERVISTARE IL SIG.FRATUS CHE NELL’ARTICOLO DE “IL GIORNO”DEL 20-7-07 HA DICHIARATO CHE LA DEMOLIZIONE DEFINITIVA DELL’EX-PENSOTTI AVVERA’ ENTRO IL MESE DI AGOSTO!!!! ABITO VICINISSIMA ALLA DISGRAZIATA ZONA E VEDO CHE I LAVORI SONO FERMI DA 2 SETTIMANE (meritate ferie x carità!!) ASPETTO CON ANSIA DI VEDERE CON QUALE MIRACOLOSA VELOCITA’ COMPLETERANNO LA DEMOLIZIONE IN QUEST’ULTIMA PARTE DEL MESE!!!!

  4. IGNAZIO ha detto:

    Buongiorno a tutti ogni tanto mi capita di passare davanti alla Pensotti e succede che davanti su quella strada soprattutto quella interna ci sono sempre un sacco d macchine fermi che comprano la roba.
    Questo è un caso insopportabile chissa la gente che ci vive li.
    Pazzesco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: